Diossina
 

Hanoi, 2 giugno
Venerdì sera, l’ambasciatore italiano in Viet Nam, S. E. Alfredo Matacotta Cordella ha tenuto un ricevimento in occasione del sessantesimo anniversario della Festa della Repubblica italiana (2 giugno 1946 – 2 giugno 2006), alla presenza del vice-primo ministro permanente Nguyen Tan Dung.
Il vice-primo ministro nel suo discorso si è congratulato per la grande giornata di festa del popolo italiano. Ha anche apprezzato la posizione ed il ruolo dell’Italia all’interno dell’Unione Europea e nel mondo e ha espresso la propria soddisfazione in merito allo sviluppo incoraggiante delle relazioni tra i due paesi, per quanto riguarda la politica, l’economia e la cultura…
Il signor Dung ha ugualmente ringraziato il governo ed il popolo italiano per la cooperazione e l’aiuto attivo destinato al Viet Nam e si è augurato di vedere il popolo italiano continuare ad ottenere ulteriori risultati nello sviluppo del proprio paese.
Per questa occasione, l’ambasciatore italiano in Viet Nam ed il Ministero della Cultura e dell’Informazione hanno organizzato un balletto da titolo “Carosello Italiano”, rappresentato dalla troupe di balletto italiano Balletto Del Sud. Dopo la rappresentazione del 2 giugno a Hanoi, i ballerini italiani andranno a Ho Chi Minh-City per un'altra serata, il 5 giugno.

A Ho Chi Minh-City, la somma raccolta durante la vendita dei biglietti sarà riservata alle vittime dell'agente arancio (diossina).

In relazione all’agente arancio l’Ass. d’amicizia France Viet Nam ha in corso un progetto di RIABILITAZIONE DI UNA DELLE ZONE PIÙ SEGNATE DALLO SPARGIMENTO DEI DEFOGLIANTI: “CU CHI” HANNO RIVOLTO UN APPELLO ALLE ASSOCIAZIONI DI AMICIZIA CON IL VIET NAM, EUROPEE, AFFINCHÉ CONTRIBUISCANO CON UNA DONAZIONE.
In un successivo messaggio invieremo maggiori dettagli in merito.
 

diossina
Composto chimico che presenta un anello formato da quattro atomi di carbonio e due di ossigeno e che contiene due doppi legami.Nel linguaggio comune il nome di diossina viene usato per indicare un suo derivato, la 2,3,7,8-tetraclorodibenzo- para-diossina, nota in chimica con la sigla TCDD.

TCDD
in tossicologia, simbolo con cui viene comunemente (anche se impropriamente) indicato un composto organico, la 2,3,7,8-tetracloro-dibenzo- para-diossina, o diossina, che si forma a elevate temperature durante i processi di sintesi industriale di alcuni fenoli alogenati, come l'esaclorofenolo o il triclorofenolo, adoperati come antiparassitari o diserbanti. Il TCDD può anche essere generato dalla combustione di vegetali irrorati con tali prodotti; è poi accertata la possibilità che si produca TCDD nei forni di incenerimento dei rifiuti solidi, quando si bruciano sostanze organiche contenenti cloro (materie plastiche, in particolare PVC) e composti fenolici. Con il suo omologo, esacloro-dibenzodiossina, rappresenta il composto più tossico della serie dei cloroderivati della dibenzodiossina; la dose letale media (DL50) è stata calcolata nella misura di 0,006 mg per chilo di peso corporeo nella cavia e di 0,115 mg/kg nel coniglio. Mentre nell'animale di laboratorio la diossina produce effetti letali dopo settimane e persino mesi dall'esposizione a una singola dose, in alcune specie di pesci, per esempio il salmone, risulta il più delle volte letale in seguito a contatto per 24 ore. Quanto all'uomo, nonostante la vasta eco suscitata negli ambienti scientifici internazionali dalla disastrosa fuoruscita di gas, contenente diossina in altissima quantità, verificatasi a Seveso nel luglio 1976, non è possibile definire, al momento attuale, le concentrazioni massime tollerabili e i limiti di pericolosità della contaminazione. In genere, si considera contaminato un terreno o un qualsiasi materiale in cui la diossina sia contenuta in quantità superiori a 0,01 parti per milione. La sintomatologia dell'intossicazione acuta da TCDD non sembra differire da quella dei fenoli clorurati: stanchezza, anoressia, nausea, disturbi gastroenterici, ipotensione, alterazioni a carico del sistema nervoso centrale, disturbi del ritmo cardiaco. Caratteristica appare invece la tossicità della diossina a concentrazioni subletali: comuni sono la eloracne, l'ipertricosi, l'alopecia, i disturbi della funzionalità epatica e renale, le alterazioni dell'udito e della sensibilità olfattiva, le neuriti periferiche, le disfunzioni tiroidee, la diminuzione della libido e della capacità riproduttiva, l'aumento degli aborti spontanei. Non vi sono dubbi, inoltre, che la diossina rappresenti il più potente veleno teratogeno conosciuto. La capacità di provocare malformazioni neonatali, per lo più al palato, al cervello, al fegato e al rene, è stata osservata in diverse specie animali. La terapia dell'intossicazione acuta da diossina si basa su provvedimenti di carattere sintomatico e sull'eliminazione intestinale del tossico. Molte incertezze rimangono circa i metodi e le possibilità di decontaminazione ambientale.